• ultime uscite
  • collane
    • Initia Philosophiae
    • Mimesis Journal Books
    • Novellieri italiani in Europa
    • Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane
    • La Biblioteca di «Historia Magistra»
    • Centro interdipartimentale di scienze religiose dell'Università di Torino
    • Tutto era musica
    • FIERI
    • Psicologia e Psicodiagnostica Clinica
    • Scritture disegnate in biblioteca
    • Collana dell'Associazione Italiana di Linguistica Computazionale
    • Metamorfosi dei Lumi. Collana di Ricerche Interdisciplinari tra Sette e Ottocento
    • AAC – Arti | Architettura | Città studi, temi, ricerche
    • Biblioteca di Athena Musica
    • Il teatro della memoria
  • riviste
  • filosofia
    psicologia
  • religione
  • scienze sociali
    economia
    diritto
  • linguistica
  • scienze pure
  • scienze applicate
    medicina
    management
  • arti
  • letteratura
  • storia
    geografia
Andrea Mossa
Il nemico ritrovato. Carl Schmitt e gli Stati Uniti
Mentre il pensiero di Carl Schmitt, compromesso con il regime nazista, viene bandito dal mondo accademico, nelle università degli Stati Uniti fanno carriera vari studiosi europei (in buona parte ebrei tedeschi costretti all’esilio) che con lui hanno contratto consistenti debiti teorici. Alcuni sono stati suoi allievi e amici, altri semplicemente si sono confrontati con il suo pensiero perché a Weimar negli anni Venti, per un filosofo o un politologo o un giurista, era difficile non confrontarsi con Schmitt. Come hanno fatto i conti con il “bagaglio schmittiano” che avevano portato con sé dall’Europa? In che misura Schmitt ha influenzato il pensiero americano quando le regole della rispettabilità accademica sconsigliavano anche solo di menzionare il suo nome? Com’è accaduto che a un certo punto Schmitt sia stato riscoperto, e nel giro di un paio di decenni sia per così dire diventato di moda? Il presente saggio tenta di rispondere a queste domande. Dopo aver delineato il rapporto ambiguo tra Schmitt e gli Stati Uniti, l’autore prende in esame – e ridimensiona – i cosiddetti «dialoghi nascosti» (che secondo alcuni avrebbero segnato lo sviluppo del pensiero conservatore e neoconservatore americano) e soprattutto ricostruisce un importantissimo «dialogo mancato»: quello ingaggiato a partire dagli anni Cinquanta da Hannah Arendt, che in Schmitt identificava l’unico vero «discepolo di Hobbes» e il più acuto esponente di una linea del pensiero politico che secondo lei doveva essere messa radicalmente in discussione.
anno di pubblicazione 2017

cartaceo 320 pp

9788899200824 24,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788899200824)

pdf 966.1 KB

9788899200831 4,49 €
aggiungi al carrello (cod: 9788899200831)