• ultime uscite
  • collane
    • AAC – Arti | Architettura | Città studi, temi, ricerche
    • Collana dell'Associazione Italiana di Linguistica Computazionale
    • La Biblioteca di «Historia Magistra»
    • Mimesis Journal Books
    • Il teatro della memoria
    • Tutto era musica
    • Novellieri italiani in Europa
    • Initia Philosophiae
    • Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane
    • Metamorfosi dei Lumi. Collana di Ricerche Interdisciplinari tra Sette e Ottocento
    • Centro interdipartimentale di scienze religiose dell'Università di Torino
    • Biblioteca di Athena Musica
    • Scritture disegnate in biblioteca
    • Psicologia e Psicodiagnostica Clinica
    • FIERI
  • riviste
  • filosofia
    psicologia
  • religione
  • scienze sociali
    economia
    diritto
  • linguistica
  • scienze pure
  • scienze applicate
    medicina
    management
  • arti
    architettura
    musica
    arti performative
  • letteratura
  • storia
    geografia
Marco Fracon
Restituire la possibilità
Educare alla resilienza con Bernard Lonergan

Nel caso di persone in situazione di disagio o con storie traumatiche alle spalle ci si deve rassegnare a un’azione formativa volta solo al recupero o, al massimo, al contenimento del danno?
Perché impegnarsi nell’attività educativa se il futuro di questi soggetti è invincibilmente determinato dal loro passato?
Il fenomeno della resilienza umana invita a cambiare i paradigmi che guidano l’azione formativa, focalizzando l’attenzione più sulle risorse residue delle persone che sui danni da loro subiti, o sui rischi sociali ed educativi ai quali sono esposte.
Oggetto di numerosi studi interdisciplinari, la resilienza è «il processo che permette la ripresa di uno sviluppo possibile dopo la lacerazione traumatica e nonostante la presenza di circostanze avverse» (Cyrulnik). Ciò richiede un’analisi del concetto stesso di possibilità, partendo dalla riflessione filosofica su di essa. Una volta giunti a determinare una nozione di possibilità esistenziale, però, affinché sia spendibile in campo formativo, essa deve essere resa operativa in un’antropologia capace da una parte di accoglierla e dall’altra di sostenere percorsi educativi.
L’antropologia filosofica di Bernard Lonergan (1904-1984), che nel concetto di sviluppo trova il proprio punto d’incontro con quello di possibilità metafisica, è esplorata dall’Autore in quanto quadro logico e metodologico per la programmazione di attività formative ed educative adatte a sostenere percorsi volti a «restituire la possibilità».

anno di pubblicazione 2018

cartaceo 248 pp

9788831978224 12,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788831978224)

pdf 1.2 MB

9788831978231 2,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788831978231)