aAccademia

L'articolo è stato aggiunto al tuo carrello

aAccademia

18,00
aggiungi al carrello (cod: 9788897523796)
cartaceo, ISBN 9788897523796
4,49
aggiungi al carrello (cod: 9788897523802)
PDF 2.1 MB, ISBN 9788897523802
4,49
aggiungi al carrello (cod: 9788897523802)
EPUB 386.6 KB, ISBN 9788897523802
Inchiesta su Gramsci Quaderni scomparsi, abiure, conversioni, tradimenti: leggende o verità?
a cura di Angelo D'Orsi

collana La Biblioteca di «Historia Magistra»
anno di pubblicazione 2014
pp. 256
ISBN cartaceo 9788897523796
ISBN pdf 9788897523802
ISBN epub 9788897523802

Antonio Gramsci è oggetto non soltanto di studi e ricerche, ma anche di polemiche che negli ultimi anni hanno conosciuto una notevole recrudescenza, segnale in fondo di una inesausta vitalità del pensiero di uno degli autori italiani più studiati e tradotti a livello internazionale. Ma le polemiche testimoniano altresì che esistono momenti e vicende della biografia gramsciana, su cui ancora necessitano scavi documentari, ipotesi di lavoro, o semplici riletture di testi e documenti già noti. Il libro nasce, da una parte, dalla registrazione delle polemiche tuttora in corso, ma dall’altro, dalla consapevolezza che anche le contese apparentemente stolte e superflue, possono aiutare a sciogliere nodi, o quanto meno a porre nuove domande: purché si sia animati da autentica volontà di sapere, come la rivista «Historia Magistra», dal cui seno il libro è in qualche modo scaturito. Fondato su un Questionario, il volume ha raccolto le risposte di 26 studiosi e studiose, coordinati da Angelo d’Orsi, autore anche della robusta Introduzione.
In appendice un testo del nipote di Gramsci, Antonio junior.


Ordinario di Storia del pensiero politico all’Università di Torino, coltiva da decenni gli studi gramsciani: membro della Commissione per l’Edizione Nazionale degli scritti di A. Gramsci, ideatore e direttore della BGR (Bibliografia Gramsciana Ragionata), a Gramsci ha dedicato numerosi articoli, saggi e volumi (ultimo: Gramsciana. Saggi su Antonio Gramsci, Mucchi, Modena 2014). Fondatore e direttore di «Historia Magistra. Rivista di storia critica» (2009), presiede il Comitato scientifico della Fondazione L. Salvatorelli e dirige FestivalStoria.

Instagram INSTAGRAM