• ultime uscite
  • collane
    • Initia Philosophiae
    • Mimesis Journal Books
    • Novellieri italiani in Europa
    • Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane
    • La Biblioteca di «Historia Magistra»
    • Centro interdipartimentale di scienze religiose dell'Università di Torino
    • Tutto era musica
    • FIERI
    • Psicologia e Psicodiagnostica Clinica
    • Scritture disegnate in biblioteca
    • Collana dell'Associazione Italiana di Linguistica Computazionale
    • Metamorfosi dei Lumi. Collana di Ricerche Interdisciplinari tra Sette e Ottocento
    • AAC – Arti | Architettura | Città studi, temi, ricerche
    • Biblioteca di Athena Musica
    • Il teatro della memoria
  • riviste
  • filosofia
    psicologia
  • religione
  • scienze sociali
    economia
    diritto
  • linguistica
  • scienze pure
  • scienze applicate
    medicina
    management
  • arti
  • letteratura
  • storia
    geografia
Luigi Marfè
«In English Clothes»
La novella italiana in Inghilterra: politica e poetica della traduzione
Una traduzione implica sempre un doppio percorso: accanto a quello che va dalla lingua di origine a quella di destinazione, se ne muove un altro, più silenzioso e nascosto, che si avventura in senso opposto. Pensare al vasto e multiforme percorso di trasmissione culturale che tra il XV e il XVII secolo ha diffuso la novella italiana in tutta Europa significa riflettere su questo doppio movimento, che rende la traduzione una pratica ben più complessa di una semplice «messa a disposizione» dell’originale nella lingua di destinazione. Questo studio prende in esame il processo di rielaborazione narrativa, stilistica e ideologica cui sono state sottoposte le novelle italiane in età elisabettiana. Che cosa è stato di questi testi al passaggio in Inghilterra? Quando, come e per chi sono stati tradotti? Come sono stati recepiti? Quali pratiche traduttive sono state impiegate e quali strategie retoriche messe in atto per trasporli? Quali teorie della traduzione li hanno accompagnati? C’è stata una precisa politica traduttiva? Con quali scopi? E con quali conseguenze nell’evoluzione dei generi della letteratura inglese? Nel mettere «in English clothes» le novelle italiane, traduttori come Arthur ­Brooke, William Painter, Geoffrey Fenton, George Whetstone, Barnabe Riche, George Turberville, John Florio si sono trovati a svolgere un’autonoma funzione autoriale, smontando e rimontando liberamente le strutture narrative e l’ordito retorico degli originali, non senza introdurre elementi di novità, poi ripresi nella prosa e nel teatro dell’epoca.
collana: Novellieri italiani in Europa
anno di pubblicazione 2015

cartaceo 184 pp

9788899200336 12,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788899200336)

pdf 2.3 MB

9788899200343 2,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788899200343)